Mappa fulmini

Loop

Mappa delle scariche elettriche (nube-suolo e nube-nube) delle ultime 3 ore, aggiornamento ogni 5 minuti.

Legenda:

  • Fulmini tra nube e terra
  • Fulmini tra nubi temporalesche

Come funziona il sistema di rilevamento dei fulmini?

Sensore della rete

Sensore della rete CESI – SIRF®, tecnologia VAISALA

Il Sistema Italiano Rilevamento Fulmini (SIRF), di proprietà del CESI, è formata da una maglia di sensori a copertura omogenea del territorio. I sensori sono appositamente sviluppati per rilevare il campo elettromagnetico emesso da ciascun fulmine e con sincronizzazione GPS permettono di identificare con precisione il fulmine stesso. Per risalire al punto interessato dall’evento è necessario che il fulmine sia rilevato contemporaneamente da almeno due sensori. In base al tempo di percorrenza e alla direzione di provenienza dell’onda elettromagnetica rilevata dall’antenna è possibile calcolare la posizione esatta del fulmine. La rete di rilevamento Italiana CESI-SIRF® è parte della rete Europea EUCLID di alta precisione, con sensori a copertura ottimale di ciascun Paese Europeo.

Precisione del sistema

Seconda la ditta CESI si è verificato che le reti SIRF ed EUCLID consentono il rilevamento di più del 95% dei fulmini nube-suolo con una precisione spaziale media di 150 m. Tra il fulmine e la sua localizzazione intercorrono solo 2-10 secondi. Poco dopo il fulmine viene visualizzato su questo sito con attualizzazione ogni 5 minuti.

Mappa della densità dei fulmini

Nella seguente mappa viene rappresentata la densità media di fulminazione annua al suolo sulla Provincia di Bolzano, ove ben si evidenzia l’effetto orografico.

Mappa della densità media dei fulmini © CESI

Mappa della densità media dei fulmini sul territorio © CESI www.fulmini.it (Externer Link)